1 - Evitare contatti inattivi

Che cos'è un'e-mail inattiva? Possiamo definire questo termine tramite un indirizzo email che non ha reagito per un po 'di tempo. Il problema con le persone inattive è la loro cattiva influenza sulla tua reputazione di mittente degli ISP.

Le diverse tecniche da implementare:

  • Segmentazione: è importante trattare gli abbonati inattivi in ​​modo diverso.
  • Programma di disattivazione: se le diverse strategie di reimpegno hanno fallito, potrebbe essere il momento di separarsi da alcune delle tue inattive.
  • Pulisci le tue liste: questa è l'inevitabile soluzione, smetti di comunicare con i tuoi consumatori inattivi.
  • Altre strategie: migliorare la promessa fatta durante la registrazione, impostare una doppia procedura di opt-in, impostare un programma di benvenuto, rendere più visibile il pulsante di annullamento dell'iscrizione ...

In conclusione: non lasciare mai i tuoi indirizzi e-mail in pausa per diversi mesi senza usarli! Esiste un rischio molto elevato di blocco: in primo luogo, perché non avrai avuto l'opportunità di ripulire i rimbalzi, quindi perché alcuni abbonati potrebbero aver “dimenticato” di essersi registrati e segnalare le tue e-mail come spam.

2 - Rimbalzi: cos'è e come evitarlo?

Nell'e-mail, classifichiamo diversi stati e-mail: recapitati, aperti, cliccati, non iscritti, bloccati, spam e rimbalzi, chiamati anche rimbalzi o errori. L'e-mail che hai inviato non è accettata dal servizio e-mail o dall'ISP del destinatario. Non vi è quindi alcuna consegna del messaggio. Questo rifiuto innesca quindi un'azione di ritorno (il rimbalzo) e si riceve questa notifica di errore.

Morbidi rimbalzi e forti rimbalzi?

I rimbalzi software possono essere dovuti al fatto che la cassetta postale del destinatario è piena, che il servizio di messaggistica di destinazione è temporaneamente inattivo, che il messaggio è troppo pesante. Le cause del hard bounce sono anche varie: l'indirizzo del destinatario non esiste, il servizio di messaggistica non esiste più, il nome di dominio dell'indirizzo del destinatario non è più valido.

In che modo i rimbalzi incidono sulla consegnabilità?

Una frequenza di rimbalzo elevata indica che l'elenco non è più aggiornato. Questo perché contiene troppi indirizzi inattivi. Un alto tasso di errore attiverà i vari allarmi ISP. In definitiva, la tua reputazione di mittente sarà influenzata riducendo gravemente la buona consegna delle altre e-mail.

Come mantenere una bassa frequenza di rimbalzo?

È necessario prendere in considerazione diversi parametri:

  • Assicurati che il tuo elenco di contatti sia legittimo implementando sistematicamente un doppio processo di registrazione opt-in.
  • Invia le tue campagne regolarmente.
  • Dopo ogni campagna, non esitare a rimuovere dagli elenchi gli indirizzi che restituiscono errori. È il modo migliore per mantenere aggiornato l'elenco.
  • Usa CaptainVerify per controllare o ripulire la tua mailing list.

3 - Gestisci il tuo database

Escludere NPAI, gestire i duplicati ... La pulizia regolare dei database delle e-mail consente di aumentare l'apertura delle e-mail, ma anche di ridurre i costi di invio delle campagne pubblicitarie. Questo aiuta a migliorare le prestazioni generali della tua base. Una piccola base di contatti reattivi è migliore di un file di grandi dimensioni e con scarsa manutenzione.

4 - Mantenere una buona reputazione con gli ISP e la sua piattaforma per l'invio di e-mail

Pulendo il database di questi NPAI, la tua reputazione con gli ISP sarà buona. Il tuo IP e le tue e-mail saranno quindi riconosciuti di buona qualità e avranno molte più probabilità di arrivare nelle caselle di posta e non nello spam.

NPAI significa "non vive all'indirizzo indicato". Nominati nell'e-marketing "posta non valida", la loro percentuale rappresenta la percentuale di posta che non corrisponde più agli utenti di Internet che desideriamo contattare. Questa è una statistica essenziale per misurare la qualità del file di indirizzo utilizzato e la consegna delle sue e-mail.

Per la tua reputazione, le tue mailing list dovrebbero coltivare quando incontri rimbalzi. In caso di persistenza nell'uso di indirizzi non rispondenti, verrà inviato un messaggio molto negativo.

5 - Riduci i costi di spedizione

Capirai, pulendo la tua base di posta dai suoi rimbalzi, duplicati, il volume da inviare diminuirà. Quindi anche il costo dell'invio dei tuoi invii diminuirà. Il costo dell'invio di mailing è proporzionale al volume di email da inviare. Mostrando il tuo segno con la tua piattaforma di posta, risparmierai anche il costo di un IP dedicato.

6 - Aumenta il ROI (ritorno sull'investimento)

I rimbalzi hanno un impatto molto negativo su tutte le statistiche e-mail, che si tratti di apertura, percentuale di clic o persino ROI: ogni indirizzo non consegnabile rappresenta una perdita economica. Di conseguenza, la gestione e la pulizia della tua mailing list per avere la tariffa più bassa è molto importante nell'e-mail, sia per migliorare la qualità del file degli indirizzi, per evitare di sovraccaricare i server di ricezione, sia per il suo RE.

7 - Ottieni un buon punteggio del mittente

Ogni indirizzo IP o dominio utilizzato per inviare un'e-mail viene monitorato dalle agenzie di reputazione. Ciascun ISP assegna il proprio punteggio, con un algoritmo più o meno avanzato, ma che è unico per ciascuno.

IPR (Inbox Placement Rate): è un tasso di consegna leggermente più rigoroso. Non tiene conto del rapporto tra le e-mail effettivamente recapitate nella posta in arrivo. Formula: Frequenza posizionamento posta in arrivo = (Volume inviato - Rimbalzi) - (Spam + Email perse) / Volume inviato. Un IPR normale è superiore all'88%.

8 - Recupera nuovi clienti

Una volta ripuliti i database, sarai in grado di concentrarti su altre cose come le tue risorse e inattive. Le risorse sono gli utenti di Internet che aprono le e-mail e quindi consultano i tuoi messaggi. I inattivi sono quelli che non aprono i tuoi messaggi. Dovrai concentrarti sull'attivazione di quelli inattivi per recuperare il potenziale dei nuovi clienti che hai a portata di mano. Per questo, ti consigliamo di cambiare l'asse di comunicazione, rivedere il mittente, il titolo e il contenuto delle tue e-mail al fine di segmentare il tuo database.

9 - Migliora il tuo ranking SEO

Come possono essere collegati il ​​tuo SEO e la tua reputazione e-mail? Google ha ottenuto un brevetto depositato nel 2012. Il brevetto, lo spam e lo spam che possono essere utilizzati come segnale dell'affidabilità del fornitore. Quindi un fornitore che invia poco spam sarà in grado di ottenere un buon punteggio. Google definirà tutto ciò tramite l'invio di indirizzi IP, URL di reindirizzamento, indirizzi email del mittente. Come tutti sappiamo, Google sviluppa regolarmente algoritmi per affinare la pertinenza dei risultati nel suo motore di ricerca. Questo è quindi uno dei molti criteri di qualità agli occhi di Google. Quindi potresti anche mantenere buoni punti a tutti i livelli con questo giocatore chiave, sia in SEO, sia una buona pratica per l'invio di e-mail.

10 - Captain Verify è uno dei più economici sul mercato internazionale

Captain Verify si posiziona sul mercato internazionale come uno dei giocatori più economici al mondo. Risparmierai tra il 20 e il 60% rispetto ai concorrenti sulla pulizia dei tuoi database di posta. Con il vantaggio di offrire versioni del suo sito in diverse lingue.

Non lasciare mai dormire i tuoi indirizzi email. Usa CaptainVerify!